La celebre banca d’affari Merrill Lynch ha bloccato ogni operazione eseguibile tramite bitcoin, e lo ha fatto impedendo ai suoi circa 17.000 dipendenti e consulenti di suggerire ai propri clienti investimenti in cryptocurrency. Inoltre, fa sapere la banca, sono recentemente state rigettate anche le richieste dei clienti che volevano investire nel Bitcoin Investment Trust di Greyscale, il fondo aperto che lavorava esclusivamente sull’andamento del bitcoin. Inutile aggiungere che dopo l’entusiasmo iniziare per l’avvento della celebre criptomoneta sulle borse di Chicago, Merrill Lynch è stato il primo istituto di credito a defilarsi dalla corsa al titolo, proibendone l’accesso a clienti e dipendenti.

Quello che sembra essere l’inizio di una caccia alle streghe ha intanto coinvolto anche la Cina, che nelle scorse ore ha congelato diversi conti per un valore complessivo di 46 milioni di dollari, conti che secondo le autorità locali effettuavano transazioni over de counter, ovvero non standardizzate. La notizia fa il palio con quella di qualche mese fa, secondo cui i cinesi avevano addirittura bloccato alcune piattaforme di cryptotrading in patria.

L’Europa sta alla finestra, e anche nel Vecchio Continente sembrano essersi mossi i primi passi per evitare che i contribuenti vengano investiti dal previsto scoppio della bolla. Lo stesso Ewald Nowotny, membro del Consiglio direttivo della Bce e presidente della banca centrale austriaca ha dapprima definito il bitcoin come una qualcosa di “puramente speculativo che si spaccia per una moneta”, per poi specificare che “sarebbe sufficiente applicare la regola alla base di ogni transazione finanziaria: tutti i partecipanti devono rivelare la propria identità”.

Non è finita qui. Anche Israele, e quindi il medio oriente, sembrano essersi uniti alla battaglia dal momento in cui l’autorità di regolamentazione del mercato nazionale starebbe pensando ad una norma per vietare che a società che investono in Bitcoin e monete simili venga concesso di essere quotate in borsa, mentre quelle che già sono presenti sul listino rischiano addirittura di essere accompagnate alla porta.

Garcinia Cambogia dimagrisce

LEAVE A REPLY