Come da loro consuetudine, i tedeschi anche stavolta hanno dato un riscontro fattuale a quanto paventato nelle dichiarazioni dei mesi passati, e infatti oggi Lufthansa ha ufficializzato l’acquisto di una parte di AirBerlin.

Quest’ultima era arrivata sull’orlo del fallimento già quest’estate ed è stata salvata in extremis dal governo tedesco. “Oggi porremo una pietra miliare nella storia di Lufthansa e AirBerlin”, ha dichiarato il CEO di Lufthansa Carten Spohr, ponendo così fine alla lunga agonia che ha dovuto sopportare AirBerlin da quando è entrata in stato di insolvenza.

Entrando in società, a Luthansa toccherà la gestione di 3.000 dipendenti e oltre 80 aerei, ma non è esclusa l’ipotesi che entrino nell’affare anche le piste riservate a decolli e atterraggi fino ad oggi possedute da AirBerlin e ubicate negli aeroporti di Dusseldorf e Berlin Tegel.

Nella conferenza stampa convocata per dare l’annuncio erano presenti anche i vertici di easyJet, l’altra realtà che dovrebbe gestire la società salvata dal fallimento.

Il titolo vola in borsa

L’annuncio ha avuto chiare ripercussioni positive sull’andamento del titolo in borsa, in ascesa per tutta la mattinata e attualmente a +2,34 punti. Motivo di un così buon andamento va ricercato probabilmente anche nel fatto che Lufthansa abbia bruciato nell’accaparrarsi la fetta più grossa proprio la concorrenza di easyJet, ancora in corsa per entrare in società ma che fino a questo momento non sembra aver dato concretezza alle dichiarazioni delle settimane passate.

“Acquisteremo Alitalia solo se potremo rinnovarla”

E dopo il ritiro di Ryanair per l’acquisizione di Alitalia, visto lo stato di grazia della compagnia tedesca non pare impossibile un’azione che i teutonici presentino una proposta d’acquisto. Ma lo faranno ad una condizione: “Alitalia per come esiste oggi non è in discussione – fa sapere Spohr – Ma se ci fosse l’opportunità di creare una nuova Alitalia, allora Lufthansa sarebbe la prima compagnia europea interessata”.

Acquisire Alitalia quindi, ma solo a patto di creare una compagnia nuova di zecca. Che forse è l’unico modo per salvarla da anni di accumulo di gestioni fallimentari.

Il tempo però stringe: le offerte per rilevare la compagnia di bandiera potranno essere presentate non più tardi del 16 ottobre.

Garcinia Cambogia dimagrisce

LEAVE A REPLY