Boeing sospende la produzione dei 737 Max

0
43

Era ampiamente pronosticabile, anzi praticamente necessario. Boeing dopo tutti i problemi e le morti causate, sospenderà la produzione dei 737 Max.

Boeing, che è attualmente la più grande compagnia aerospaziale al mondo, produttrice del 50% degli aerei a lunga tratta, potrebbe fermare temporaneamente la produzione dei suoi 737 Max, il velivolo fermo a livello mondiale dallo scorso marzo dopo i due sospetti incidenti in Indonesia ed Etiopia che hanno provocato la morte di ben 346 persone.
A dare la notizia è l’autorevole Wall Street Journal che inoltre riporta che la decisione verrà presa a breve, durante il prossimo vertice del consiglio d’amministrazione di Boeing.
Durante il vertice, i maggiori azionisti della società americana, potranno scegliere comunque fra due opzioni: ridurre il numero di velivoli assemblati ogni mese ( già scesi da 52 a 42 per quest’anno) oppure sospendere le attività per qualche settimana negli stabilimenti vicino Seattle in attesa  che venga dato il via libera delle autorità dell’aviazione civile.

A fermare la produzione dei velivoli Boeing sono le perplessità sugli aggiornamenti dell’aereo da parte dei due enti preposti al controllo degli aerei, ovvero: La Faa (l’ente federale Usa per l’aviazione) e l’Easa (la corrispettiva europea).
In particolare, non convince ancora il sistema anti-stallo Mcas, che secondo gli inquirenti sarebbe la causa principale dei due incidenti in Indonesia e in Etiopia. Infatti, secondo le ricostruzioni, i due aerei hanno smesso di funzionare dopo che il sistema anti-stallo è stato attivato erroneamente dai sensori esterni difettosi.
Così Boeing ha deciso di migliorare il Mcas aggiungendo un sensore a quello già esistente, così da averne un secondo nel caso il primo segnali l’errato.

Questo accorgimento però, non è bastato alle 2 autorità competenti che molto probabilmente chiederanno al colosso statunitense di apportare ulteriori modifiche che non lascino alcuno dubbio sulla sicurezza del volo su un Boeing  737 Max.
La decisione è attesa per la fine di questa settimana.