Jihad in Nigeria, 11 Cristiani uccisi

0
81

E’ di oggi la notizia di una strage Jihadista in Nigeria dove un gruppo armato ha torturato per poi uccidere 11 persone innocenti ma secondo loro colpevoli di essere di fede cristiana.
La strage, come racconta uno degli uomini nel video diffuso in rete, è stata fatta per vendicare l’uccisione del fondatore ed ex capo dell’Isis, ovvero Abu Bakr al-Baghdadi.

Nel video che mostra le cruente immagini della decapitazione delle vittime si vedono inizialmente undici uomini inginocchiati a terra in posizione di preghiera, con addosso le tristemente note tuniche arancioni (fatte indossare sempre alle vittime nei video dell’Isis). Gli occhi bendati.
Dietro ognuno di loro c’è un boia a volto coperto, pronto a decapitare la propria vittima a uso di telecamera con affilate e lunghe lame.
Il video dura solo 56 secondi ed è stato prodotto da Amaq, la sedicente agenzia di stampa dell’organizzazione terroristica islamica, ed è stato pubblicato il 25 dicembre in rete per farlo coincidere perfettamente con le celebrazioni natalizie, questo secondo gli analisti.
Il filmato è stato girato in un’area esterna purtroppo non identificata. Inizialmente uno dei  prigionieri nel mezzo viene colpito a morte mentre gli altri 10 vengono spinti a terra e successivamente decapitati senza alcuna pietà.

L’unica voce che si sente nel video è quella di uno degli attentatori che ha urlato fiero: “È un messaggio ai cristiani del mondo intero in pieno periodo di Natale“, tutto ciò ovviamente a volto completamente coperto.
Purtroppo non sono stati forniti dettagli anagrafici sulle vittime, si sa solo che sono tutte di sesso maschile.
Dopo qualche ora poi, l’Isis ha riferito che sono state “catturate nelle ultime settimane” nello stato nord-orientale di Borno, in Nigeria. una cittadina diventata ormai un inferno sceso in terra dove solo pochi giorni fa durante la vigilia di Natale, sono stati uccisi altri sette cristiani e poi una ragazza è stata rapita.