New York, altra aggressione antisemita

0
187
Neighbors gather to show their support of the community near a rabbi's residence in Monsey, N.Y., Sunday, Dec. 29, 2019, following a stabbing Saturday night during a Hanukkah celebration. (AP Photo/Craig Ruttle)

Domenica pomeriggio un uomo ha accoltellato ben cinque persone nella casa di un rabbino ultra ortodosso nella tranquilla cittadina Monsey, nello stato di New York.
L’attacco è stato definito dal governatore Andrew Cuomo un «atto di terrorismo domestico» e «la tredicesima manifestazione di antisemitismo» nello stato nelle ultime tre settimane.

Al momento non si conosce il movente di Grafton E. Thomas, l’autore delle ripetute aggressioni nella casa del rabbino, avvenute non casualmente durante una celebrazione della Hanukkah, che è praticamente una delle più importanti festività ebraiche, paragonabile alla Pasqua cristiana.
Thomas è entrato nella casa armato con un lungo machete, ed è stato notato dai partecipanti presenti alla cerimonia religiosa poco prima che cominciasse ad accoltellare i presenti.
Nella sfortuna, si può dire che molti sono stati fortunati poiché in quel momento la funzione stava finendo, e quindi la casa era molto più vuota rispetto a solamente una decina di minuti prima.
A fermare l’aggressore ci hanno pensato inizialmente i  presenti che sono riusciti a lanciargli contro pezzi di mobilio, dopo però che era già riuscito ad accoltellare cinque persone, due delle quali sono state ferite gravemente e sono ora in terapia intensiva in ospedale. Thomas è comunque scappato in auto, ma è stato arrestato più tardi ad Harlem, a Manhattan.

Cresce quindi anche negli Stati Uniti il clima d’odio. Infatti, secondo i dati ufficiali dell’ FBI, in tutti gli Stati Uniti il numero di denunce causate da crimini d’odio – ovvero quelli con un movente che sia razzista o discriminatorio nei confronti di un particolare gruppo di persone scelto – è cresciuto del 29 per cento nel triennio che va dal 2015 al 2018.
A questo punto, le cariche istituzionali faranno qualcosa per calmare tutto questo odio diffusosi in giro per gli Stati Uniti, ma anche in tutto il resto del Mondo? Oppure faranno orecchie da mercante come spesso accade?