Sigarette elettroniche, portano patologie polmonari?

0
371

L’uso di sigarette elettroniche (o in gergo tecnico le E-CIG) potrebbe aumentare drasticamente il rischio di soffrire di alcune malattie polmonari croniche come bronchite, asma, enfisemi o altre malattie ostruttive per le vie respiratorie: questi risultati scientifici, sono stati prodotti a una ricerca condotta dalla University of California di San Francisco, per poi essere pubblicati in queste settimane sull’American Journal of Preventive Medicine.
Questo studio, e i conseguenti risultati, è stato il primo a mettere in relazione sigarette elettroniche e queste malattie respiratorie in un’indagine volta a rappresentare l’intera popolazione adulta degli Stati Uniti. Infatti, l’ampio campione del test è stato rappresentato da oltre 32.000 americani dal 2013 al 2016, dei quali sono state monitorate le abitudini di fumo e le eventuali diagnosi di nuove patologie polmonari.

La ricerca ha anche sfatato un altro mito diffuso in tutto il mondo: fumare contemporaneamente sigarette classiche e sigarette elettroniche è ancora più dannoso.
Infatti gli studiosi hanno sottolineato  che la malsana abitudine più comune, cioè quella di fumare contemporaneamente sigarette sia elettroniche e sia tradizionali sarebbe ancora più dannosa per il nostro organismo: « I ‘doppi fumatori’ corrono doppi rischi: quelli delle e-cig e quelli delle sigarette convenzionali», ha spiegato Stanton Glantz, uno degli autori protagonisti della ricerca medica. «È quindi senza dubbio peggio che fumare solo tabacco».
Un dato interessante che si ricava dalla ricerca in questione è che per i fumatori di sigarette elettroniche il rapporto di probabilità di poter sviluppare le malattie polmonari croniche sopracitate sarebbe  di 1,3, mentre per chi fuma normalmente tabacco la cifra salirebbe in media a 2,6. Infine, per chi utilizza entrambe le modalità ovvero tabacco + E-CIG, i rischi sarebbero addirittura più che triplicati, con un rapporto di probabilità medio di 3,30.

A questo punto la vera domanda è: cosa conviene fare? Ovviamente la scelta migliore sarebbe non fumare affatto. Ma se proprio se ne sente la necessità, quella che sembra procurare meno danni è comunque la E-CIG