Sconto fiscale, ecco la novità del Bonus Facciate: in cosa consiste e chi può richiederlo

0
476

Il rilancio dell’economia italiana secondo quanto affermato dal ministro Roberto Gualtieri può arrivare attraverso il “Bonus Facciate”, che consiste nella detrazione fiscale senza un limite di spesa per coloro che intendono restaurare o recuperare la facciata esterna degli edifici.

Questo bonus non è applicabile per ogni genere di lavoro, per questo di seguito riporteremo chi può beneficiarne, quali interventi sono consentiti e come va richiesta l’agevolazione, in base alle indicazioni dell’Agenzia delle Entrate.

Come si può beneficiare del “Bonus Facciate”

Per poter beneficiare del bonus, che prevede uno sconto del 90% sulle spese, le stesse devono essere sostenute interamente nel 2020 anche se i lavori sono stati effettuati in precedenza o per soggetti con periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare, nel periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020.

Gli interventi invece fatti su parti comuni nei condomini per accedere al bonus si terrà conto della data del bonifico effettuato. La detrazione viene ripartita in 10 quote annuali di pari valore.

Chi può usufruire del “Bonus Facciate”

Possono usufruire del bonus tutti coloro che sostengono le spese per i lavori di ristrutturazione, quindi proprietari, nudi proprietari e affittuari, purchè abbiano partecipato alle spese.

Usufruiscono della detrazione anche i familiari che convivono con il possessore o detentore dell’immobile, sono ammesse anche le coppie di fatto.

Quali interventi rientrano nel Bonus

Come già accennato non tutti i lavori di ristrutturazione rientrano nel Bonus, ad esempio sono esclusi tutti i lavori interni e quindi non visibili dall’esterno; gli infissi; le vetrature; le spese per portoni e cancelli.

Rientrano nelle detrazioni invece i lavori di pulitura o tinteggiatura esterna, le spese per l’acquisto dei materiali, progettazione e altre prestazioni professionali, oltre agli eventuali costi collegati alla realizzazione degli interventi, come ponteggi e smaltimento dei materiali.