Quanti salumi si possono mangiare in una settimana? Ecco la risposta

0
1086

I salumi sono stati inseriti nella lista degli alimenti cancerogeni già da molti anni e il loro consumo elevato secondo la medicina può provocare tumori, ma non solo, infatti sono associati a questi alimenti anche altre patologie come un aumento di malattie cardiovascolari. Nel campo delle ipotesi si afferma che i rischi siano dovuti ai grassi saturi, il sale e i conservanti. Ma come detto è il consumo esagerato a portare seri rischi alla salute, quindi quanti salumi si possono mangiare in una settimana? E’ di questo che parleremo in questo articolo.

Preferiamo i salumi nostrani a quelli esteri

Non c’è assolutamente bisogno di eliminare i salumi dalla nostra alimentazione, perchè è la dose che li fa diventare pericolosi, ma ci sono alcuni accorgimenti e regole che sarebbe meglio seguire.

I salumi italiani andrebbero preferiti a quelli stranieri, perchè più magri, in genere, e meglio lavorati di quelli di altri Paesi.

Gli esperti consigliano di consumare non più di 50 grammi a settimana ad esempio di prosciutto crudo o bresaola, eliminando dalle fette il grasso bianco quando è presente. Ecco mangiare questa quantità di salumi non comporta alcun problema alla salute e logicamente oltre a questi 50 grammi vanno inseriti anche i 500 grammi di carne rossa settimanale, soglia massima fissata dal Fondo mondiale per la ricerca sul Cancro.

Stop all’uso giornaliero di salumi

Purtroppo è diventata una cattiva abitudine quella di mangiare salumi quasi tutti i giorni e questo perchè la vita frenetica che conduciamo non ci permette di gustarci dei piatti sani e quindi ricorriamo ai panini ricchi di salumi per un pasto veloce.

Questo è un errore gravissimo che mette a repentaglio la nostra salute, è invece molto meglio prendersi il giusto tempo per un pasto salutare come può essere una zuppa di legumi al posto del panino con mortadella, speck, salame e così via.

Basta riempire i nostri frigoriferi di buste piene di affettati da poter usare rapidamente in ogni momento della giornata, quindi a pranzo, spuntino o cena, così facendo aumenta il rischio di malattie come i tumori. Iniziamo a cambiare il nostro regime alimentare se vogliamo restare in salute, questo non vuol dire rinunciare al sapore dei salumi, ma solo mangiarli non più di un paio di volte a settimana e nelle dosi sopraelencate.

Ricordiamoci non è la fetta di salame, prosciutto, mortadella o speck a farci ammalare, ma il loro consumo esagerato, quindi mangiandoli correttamente non avremo alcun disturbo. Meglio perdere mezz’ora ai fornelli per cucinare dei legumi o ritrovarsi tra qualche anno a fare i conti con malattie molto pericolose? Meditate!