Nintendo PlayStation venduta all’asta al prezzo di 360 mila dollari.

0
201

Negli ormai lontani anni 80, furono prodotti solamente 200 esemplari di una console frutto della collaborazione fra Nintendo e Sony Playstation. Nintendo, azienda forte nel settore console, e Sony un marchio non ancora affermato nel settore console, ma con spiccate competenze nella realizzazione di lettori ottici. La console che fu prodotta fu fondamentalmente un Super Nes con un lettore CD-ROM.

La Nintendo PlayStation è stata messa all’asta nei giorni scorsi, uno dei primi offerenti sembra essere stato Palmer Luckey co-fondatore della società di realtà virtuale Oculus ora di Facebook. In realtà poi non è stato lui a comprarla. Il vero compratore è stato Greg McLemore, imprenditore e appassionato collezionista di videogiochi d’epoca. Fondatore di Pets.com, il suo obiettivo è quello di creare un museo dei videogiochi, dove ci saranno oltre alla Nintendo PlayStation, le sue collezioni di riviste commerciali e opere d’arte originali, oltre ai circa 800 coin-op che possiede.

L’ha comprata per oltre 330 mila dollari, a questa cifra va aggiunta una quota destinata alla beneficenza che porta il valore a oltre 360 mila dollari. Alcuni si aspettavano un prezzo ben più alto, delle previsioni azzardavano addirittura il milione di dollari. Palmer Luckey, a febbraio dichiarava di “digitalizzare e preservare la storia dei videogiochi fisici” e che “la realtà virtuale garantirà che l’originale l’esperienza sopravviva per sempre. Prima che si affermi definitivamente, però, dobbiamo mantenere i dispositivi del passato vivi e funzionanti”.

La Nintendo PlayStation è stato frutto,come abbiamo già detto, la collaborazione di queste due aziende. Infatti nel 1988,quando Nintendo stava lavorando sullo SNES, contattò Sony per elaborare un sistema di gioco dotato di lettore CD-ROM per gestire contenuti multimediali di nuova generazione. Questa collaborazione diede frutto alla console che vedete nella foto in alto, una sorta di ibrido, che successivamente Sony presentò al Computer Eletronic Show nel 1991. Subito dopo, per qualche motivo si concluse la loro collaborazione. Intanto quella macchina è entrata nella leggenda, furono pochi ad acquistarla perchè non fu prodotta su larga scala ma solamente 200 esemplari.