Litchi: come si mangia il famoso frutto cinese

0
284

Il litchi è un frutto molto famoso e consumato in Cina, ma che con molta rapidità sta conquistando anche il mondo occidentale. E’ possibile trovarlo nei mesi che vanno dalla primavera all’estate.

Questo frutto è conosciuto anche con altri nome tipo “ciliegia cinese” e “uva del deserto”. In pratica si tratta di una bacca che presenta la scorza esterna soda e rugosa al tatto, è di un bel colore rosato, e al suo interno vi è la polpa di colore biancastro, traslucida, carnosa e molto dolce.

In Italia non è ancora molto conosciuto, ma è molto salutare, per questo di seguito vi elencheremo le sue proprietà e come si può mangiare.

Le proprietà del litchi

Il litchi contiene in 100 grammi 66 calorie, le sue maggiori proprietà sono carboidrati e zuccheri, ma sono presenti anche tracce di fibre, proteine, sodio e grassi, mentre è totalmente privo di colesterolo.

Il componente principale di questo frutto è l’acqua e oltre alle proprietà già citate va detto che contiene anche una buona base di Vitamina C, conosciuta anche come acido ascorbico.

Le calorie sono apportate dalla presenza di zuccheri semplici tra cui spicca il fruttosio.

Tra le sostanze benefiche sono da citare gli antiossidanti. Uno dei principi attivi particolarmente abbondanti è la metilenciclopropilglicina, che ha la capacità ipoglicemizzante, ma è presente nei semi, che presumibilmente sono responsabili di gravi effetti collaterali come l’encefalopatia.

I benefici del litchi

Sono molteplici i benefici che il litchi apporta al nostro organismo, come mantenere in salute il cuore e preservare l’apparato cardiocircolatorio.

Protegge il sistema nervoso, mantiene in regola il tasso di glicemia nel sangue. Essendo un antiossidante, combatte i radicali liberi che attaccano il nostro organismo mettendo al sicuro le cellule da un invecchiamento precoce.

I benefici continuano, perchè il lichti è un ottimo antinfluenzale, combatte l’emicrania, rafforza le difese immunitarie ed hanno capacità antitumorali.

In più è alleato per combattere l’anemia, poichè favorisce l’assorbimento del ferro; migliora la circolazione grazie alla presenza di rame, mentre grazie al potassio che contiene contrasta l’ipertensione.

E ancora: migliora la digestione, allieva dalla stipsi, rinforza le ossa, previene gastriti, contrasta l’arteriosclerosi, purifica il sangue ed allieva i dolori premestruali.

Come si mangia il lichti

Di questo frutto si può mangiare solo la polpa, quindi va tolta la buccia ed eliminato il seme interno, che tra l’altro è abbastanza grande e facile da asportare. La polpa ha un sapore molto dolce ed è succosa.

E’ molto importante scegliere dei frutti al giusto punto di maturazione. Quando essi presentano delle macchie di colore marrone e un’eccessiva morbidezza stanno ad indicare che il frutto non è più fresco, ma è troppo maturo. Sarebbe meglio preferire dei frutti non troppo acerbi ma nemmeno troppo maturi.

Il periodo migliore per l’acquisto e il consumo di questi frutti è il periodo che va da novembre a gennaio e poi dal mese di aprile. La conservabilità di questi frutti è di circa 2 settimane sia a temperatura ambiente che in frigo.

Controindicazioni

Il litchi sembra non avere delle controindicazioni, ad ogni modo sarebbe meglio non esagerare nelle porzioni, come per ogni altro alimento.